Cesano Maderno, lancia tegole contro i passanti: “Ce l’hanno con me”

4
Il post è stato pubblicato da questa

Fonte: https://www.notizie.it/

tegole contro passanti


L’uomo sarebbe salito sul tetto di una palazzina di tre piani e avrebbe iniziato a lanciare tegole contro i passanti urlando: “Ce l’hanno con me”.

I cittadini di Binzago, nei pressi di Cesano Maderno, hanno vissuto una mattinata particolarmente movimentata. Infatti, sabato 13 luglio la cittadina è rimasta blindata a causa del gesto di un romeno di 45 anni: dal tetto di un’abitazione avrebbe lanciato tegole contro i passanti. Sono intervenuti sul posto i vigili del fuoco, i carabinieri e numerose ambulanze. Infine, soltanto verso le 12.30 l’uomo è sceso dal tetto ed è stato ricoverato in ospedale.

Tegole contro i passanti

Nella mattinata di sabato 13 luglio i cittadini di Binzago, vicino a Monza, hanno dovuto assistere a uno show pericoloso. Dalle prime ore dell’alba (intorno alle 4.30), infatti, un romeno di 45 anni sarebbe salito sul tetto di una palazzina di tre piani dalla quale avrebbe poi lanciato tegole contro i passanti. Dai primi accertamenti, il 45enne sembra soffrire di problemi psichici. Mentre lanciava tegole, inoltre, pronunciava frasi sconnesse. I residenti, preoccupati per l’incolumità dei passanti hanno allertato i soccorsi.

Sul posto, infine, sono giunti i vigili del fuoco, alcune ambulanze e i carabinieri. Secondo le prime informazioni, l’uomo di 45 anni arriva da Genova, ma non si conoscono i motivi del gesto e i collegamenti con Cesano Maderno. Contro di lui è stata deposta una denuncia per lancio di oggetti e per danneggiamento dell’edificio sul quale era salito.

I soccorsi

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito o colpito dalle tegole, ma i soccorritori hanno avuto da fare per tutta la mattina. I vigili del fuoco, infatti, avevano disposto un tappeto gonfiabile onde evitare gesti estremi. Fino alle 12.30 le forze dell’ordine hanno cercato di condurre a terra l’uomo. Infine, il romeno è sceso dal tetto ed è stato trasferito all’ospedale.

Facebook Comments