Salvini, minacce e denunce: “Forse stiamo scomodi a qualcuno”

4
Il post è stato pubblicato da questa

Fonte: https://www.notizie.it/

Salvini, Lega pronta a governare Roma


“Mi viene il dubbio che stiamo dando fastidio a qualcuno e che queste cose non stanno uscendo per caso” ha detto il vicepremier.

E’ con un video sui social che Matteo Salvini dice la sua sulle questioni che lo stanno riguardando da vicino, tra cui la richiesta della capitana Carola di chiudere i profili social perché “istigano all’odio”. “Teniamoci stretta questa pagina Facebook perché c’è la Carola che ci vuole chiudere. Attenzione. Sono anni che ci conosciamo, sono anni che mi sopportate, sono anni che ascolto i vostri consigli, e magari è finita perché è arrivata la signorina Carola Rackete, che, guidando in mezzo al mare, tramite i suoi avvocati ha presentato una delle tante denunce che mi riguardano chiedendo di chiudere il profilo Facebook e Twitter perché istiga all’odio”.

Salvini, minacce e denunce

La capitana Carola Rackete avrebbe chiesto la chiusura dei profili social del ministro. Per difendersi, Salvini porta un esempio quanto mai attuale. Proprio nella mattinata di giovedì, la Polizia ha individuato un plico postale sospetto destinato proprio al ministro dell’Interno che si è rivelato contenere un proiettile.”Poi sono io che istigo all’odio.

Abbiamo contato oltre 100 minacce di morte: proiettili, striscioni, manifesti, vignette, scritte sui muri. Però loro sono buoni, pacifici e democratici, e io sono cattivo, violento, fascista, razzista“. Un accenno poi anche alla questione dei fondi russi: “Chiarisco che ho pieno rispetto per la Magistratura e per le indagini in corso, però se cercate rubli a casa mia, o nelle casse della Lega, non li trovate. Io ritengo le sanzioni contro la Russia un errore che sta costando migliaia di euro alle imprese italiane”.

“Diamo fastidio a qualcuno”

Sui social, il ministro Salvini ha voluto dare la propria interpretazione all’insieme di cose che stanno succedendo in questi giorni, e che stanno riguardando in prima persona lui e la Lega: “Mi viene come il dubbio che stiamo dando fastidio a qualcuno e che queste cose non stanno uscendo per caso. Come se poi gli italiani votassero in base a quello che gli viene detto da Mosca o da Washington” ha concluso.

Facebook Comments